Il report di ringraziamento di Interval House

Exhibited by
John Lepp, Partner, Agents of Good.
Added
October 01, 2012
Medium of Communication
Direct Mailing, web.
Target Audience
Privati.
Type of Charity
Infanzia, giovani e famiglie, povertà, giustizia sociale, donne.
Country of Origin
Canada.
Date of first appearance
2009.

Il punto di vista di SOFII:

Questo tipico esempio di report annuale, ops scusate, di report di ringraziamento, risulta vincente per diversi aspetti. Da un lato, è un efficace strumento attraverso cui ringraziare i donatori. Dall’altro, il report mette bene in mostra quanto il contributo dei sostenitori sia importante per l’organizzazione e cosa sia stato possibile realizzare concretamente grazie al loro aiuto. Ogni pagina è dedicata ad un individuo – un volontario, un donatore, un beneficiario di Interval House – ed inizia con la stessa parola “celebrating” che significa “festeggiare, onorare”. Ogni testimonial parla di Interval House e spiega che cosa questa struttura abbia significato per ciascun di questi testimonial. La cosa interessante è che ciò che apprendiamo non viene dalla voce dell’organizzazione, ma direttamente attraverso il suo lavoro.

Mentre ci piace l’utilizzo degli spazi bianchi ed il carattere molto grande del testo, la natura “criticona” di SOFII vede la scelta del carattere come un punto di debolezza. Il font infatti risulta poco aggraziato e chiaro.

Ideatore:

Agents of Good/Interval House.

Riassunto/Obiettivi:

L’obiettivo che si era posta Interval House nel 2009 era duplice: da un lato si voleva produrre un report che esaltasse il ruolo dei donatori e li ringraziasse per il loro aiuto; dall’altro il report doveva mostrare i risultati conseguiti grazie al supporto dei donatori.

Background

Interval House, insieme all’agenzia creativa, ha lavorato per produrre il cosiddetto report di ringraziamento per oltre tre anni.

Il primo anno si è puntato a coinvolgere attivamente i donatori fin dal titolo. Pagina dopo pagina, il report proponeva un percorso attraverso le tante stanze della struttura, primo centro di accoglienza in Canada per donne e bambini vittime di violenza. Questo viaggio veniva raccontato attraverso le esperienze e storie positive di beneficiari che mostravano così al donatore che cosa avesse significato concretamente il loro sostegno. Parallelamente, le storie dimostravano l’unicità e la particolarità di Interval House- un luogo in grado di offrire accoglienza personalizzata, non una soluzione standardizzata.

Il secondo anno il report invece si sviluppava intorno ad un’unica storia, quella di una donna che grazie ad Interval House ha potuto trovare assistenza e superare il trauma subito.

Infine, la terza edizione del report, qui illustrata, è stata invece incentrata sull’idea di esaltare e gratificare il donatore. Il messaggio di ringraziamento viene trasmesso attraverso vari canali, scelti appositamente in base al segmento di donatori: da cartoline, a messaggi virtuali, a messaggi cartacei più tradizionali. 

Caratteristiche speciali:

Per rendere le immagini piu’ realistiche e coinvolegenti, tutte le fotografie sono state scattate con un iPhone, sotto la supervisione del fotografo e creativo Dan Banko. Nonostante non siano professionali, l’impaginazione e l’utilizzo di immagini grandi rendono le fotografie “calde”, molto chiare e facilmente leggibili.

Influenza/Impatto:

I risultati non sono disponibile.

Costi:

$10,000 canadesi.

Meriti:

Molto spesso i report annuali rischiano di essere troppo autorferenziali e noiosi agli occhi dei donatori. E cosa ancor piu’ grave, spesso il ruolo del donatore non viene contemplato affatto all’interno del report. In questo caso invece l’attenzione e’ incentrata sul donatore, che viene cosi’ esaltato e ringraziato per il prezioso aiuto che rende possibile il lavoro di Interval House.

​Tradotto da:

Emma Lubrina

View original image
Basta cliccare sull’immagine qui sopra per visualizzare il PDF intero del report

Related case studies or articles